Tag

, , , , , , , ,


Affascinata da cose che vede solo lei, mi lusinga in ogni modo, cieca di fronte al vuoto che sono davvero.

Anche se non glielo nascondo, cieca, vede solo del bene. Di fronte alla miseria di un corpo povero e sgraziato come il mio, lei vede qualcosa che non esiste e lo ama. Ho smesso di cercare di aprire loro gli occhi: tanto accade comunque, ma basta, basta smettere di berla quest’acqua fresca.

Sinceramente attratta, dolce e così tanto troia che stento a crederci, e così lei: non mente, non sono parole, non ha nessun limite ed è piena di gioia. Sembra uscita da un perverso sogno maschile, mentre lei nega e ripete siamo così, se non abbiamo voglia come voi ne abbiamo di più.

Che lo so anch’io, da quando non eri nata, è un fatto ma… la frequenza con cui questa libertà si manifesta è infima.

Vuole tutto di me e non mente, non ha secondi fini, mai. E’ come un animale. E ho imparato, in questi anni, ad apprezzarne la purezza. Nessun calcolo, nessuna sovrastruttura.

Ha fatto infinitamente più esperienza di me, con un corpo da ballerina, esile ma forte, sensuale, e da poco tempo. Io che nemmeno mi ricordo più come si bacia e come si tocca un corpo con un minimo di grazia, la sento sciogliere e vibrare. Cerco dove sta l’imbroglio, lo scherzo, ma non ci sono interessi, non ho nulla da rubare e mi viene dato tutto, e con gratitudine addirittura. Mi sveglierò dopo questo bel sogno, senza nulla? Beh ma non ce l’avevo prima. Almeno ho sognato un po’.

Piedi per terra, ha una vita familiare di merda: ma quante volte devo continuare a vedere questa cosa? Quante sono le famiglie con un disastro bombardato dentro? Cocci di famiglie che producono persone a pezzi, che si rialzano per propria forza, non per una società con qualche tipo di valore che ero abituato a conoscere.

Presi come due quindicenni, ma almeno per lei sono solo 5 fa, per me sono 25 fa. E nel frattempo vedo i guadagni che salgono, mentre io non sto facendo un cazzo. Devo rientrare IMMEDIATAMENTE in carreggiata.

Che profumo questa primavera. Mi fa dimenticare che non mi interessa esistere, almeno fino a domani. Ma so che il centro di tutto questo non è dentro di me. E’ dentro di lei.

Sulla parola “troia” spero che ci siamo chiariti: uso positivo: sei troia = sei porca = sei piena di voglia di fare sesso, ti piace tanto, evviva, tutta la mia stima ed ammirazione.
Sei una troia = puttana = prostituta = donna/persona che fa commercio, normalmente usando come merce sentimenti o sesso per avere in cambio beni o servizi.

Annunci