Tag

, , , , , , , , , , , ,


Non vedo motivo per seguire questo blog: piuttosto per capitarci. Quindi potreste non sapere che oltre alla fotografia stock faccio nudo artistico, principalmente femminile.

non così

non così

La primissima ragazza che mi ha dato fiducia ed aiutato in questo non la vedevo da qualche anno. Un paio di settimane fa l’ho reincontrata: aveva bisogno di un ritratto e mi ha fatto un gran complimento (voleva assolutamente pagare, quindi non era per avere un prezzo di favore) dicendomi “quando mi fotografi tu vengo figa!”.

Ora… ragà, io non ho questo potere, chiariamolo subito; forse qualcuno ce l’ha, ma io no. Io vinco facile, come dice la pubblicità: fotografo solo tipe fighe. Certo non sono indubitabilmente fighe. Non sono modelle professioniste, non sempre, non solo, non sono delle star – questo mai. Per cui se io ti ho vista figa, io ti fotograferò finché non mi sentirò abbattuto dallo schifo che ho fatto, finchè non vedrò nel mio schermino che tu sei figa come ti vedo io. Il che potrebbe persino essere non di tuo gradimento, o farti pensare che io ti vedo nel modo sbagliato. Boh. Comunque sta così, la cosa. E di solito per fortuna corrisponde. Per dovere di completezza dico che il “di solito” con la modella con la quale faccio più nudo ha dato vita all’eccezione: il modo in cui io la vedevo maggiormente era quello che a lei piaceva meno: ho dovuto ricorrere al trucco per rendere in foto quello che io vedo nella realtà. E lei non ha apprezzato quel tipo di trucco. Naturalmente (qui si sono arrogante, ok) chiunque altro ha apprezzato di più la mia visione: io ci vedevo dell’orientale e la vedevo più giovane … lei vuole vedersi più matura, decisa, cazzuta. Lo può essere: può essere entrambe.

Comunque tornando a bomba: questa ragazza, la prima che mi ha fatto da modella per il nudo, tornata per farsi ritrarre in modo “normale” (vestita) perché aveva bisogno di qualcosa per il lavoro, quando le ho un po’ raccontato il seguito e la grande utilità che queste foto mi hanno dato, mi ha detto “devo dirti che mi hai fatto stare talmente a mio agio nuda a posare come non sto nemmeno nell’intimità”. 

Un complimento straordinario, che fa capire quanto fare davvero seriamente nudo artistico non significhi fare il marpione. L’omo è omo, d’accordo, ma se non mi salta addosso la modella potete stare sicuri che sono di marmo. Piuttosto mi vado a fare una pippa in cesso ma tu non dovrai avere nemmeno il sentore di avere di fronte un bavoso dimmerda. Ma per quanto riguarda la donna, la ragazza, questo da la misura di quanto poco “esibizionismo” ci sia in tutto questo. Non è l’esibizionismo del sé, immediato, la cui gratificazione è già quella del mostrarsi a chi ti guarda. La creazione di quella immagine trascende l’uomo e la donna che ci stanno lavorando, pur rivestendo, ognuno, un preciso ruolo erotico. Uso questo termine perché la mia foto non vuole in alcun modo essere asettica registrazione di un corpo nudo.

Mi fa però tantissimissimo piacere questo complimento. Se avrò modo le chiederò di fare un video per darne testimonianza: un ulteriore passo verso la fiducia 🙂 Fantastico 🙂

Annunci