Tag

, , , , , , , , , , ,


adobe stock contributor

adobe stock contributor

Come molti addetti al settore microstock per la fotografia sapranno certamente, Fotolia è stata acquistata da Adobe: quest’ultima rimarchia sotto “Adobe Stock” tutto il prodotto e lo usa – dal punto di vista dei contributor – come se fosse un “partner program”. Chi usa Adobe Stock di fatto si serve del materiale di Fotolia.

E’ naturalmente possibile iscriversi – come contributor – anche solo su Adobe Stock, mentre normalmente l’appartenenza ad uno e la successiva “sincronia” su Adobe Stock rende la cosa automatica.

Una volta fatta questa cazzo di sincronia i messaggi di notifica (vendite, approvazioni, rifiuti) che il contributor riceve non provengono più da Fotolia, bensì da Adobe Stock. Non mi piace, ma pazienza. Ora però sono andato a vedere come sarebbe se lavorassi davvero con quella interfaccia.

SAREBBE UNA MERDA. E’ a dir poco TERRIFICANTE sul lato contributor. E non “terrific” in senso inglese, cari i miei googletranslaters: no no, SUX, SUCKS, FUCKING DOESN’T WORK, per essere sicurissimi. Certo, se carichi una volta, magari con lo smarzporn … ma se lavori, sul serio, come sempre … il mondo non è touch. Il lavoro non è touch. E se volete che lo sia, porcaquel*TURPILOQUIOEBBSSTEMMIE*asiudhaisudha, dovete fare un OTTIMO lavoro con la UX, come per uno che ci lavora sul serio

Per dirne una: dove cazzo sono le cartelle in cui sono organizzate le liberatorie? Vengono sicuramente letti i dati exif (evviva me e la mia parata di culo) delle liberatorie e vengono raggruppati sotto queste inutili date (o exif, o della submission del documento: TOTALMENTE INUTILE). Ma le utilissime cartelle di Fotolia non ci sono: sparite, niet.

Supponiamo poi che io debba correggere un errore su un file: TROVALO! Ahahahahah fantastico! Se io ho 10000 files e mi accorgo che su un vecchio file c’è un errore ortografico che sono pronto a correggere in 2 secondi … beh, si, ma prima devo spendere 8 anni a trovarlo SFOGLIANDO. Pazzia. Ho provato a cliccare su un file che avevo venduto recentemente e … è successo esattamente quello che ultimamente va di moda che mi freghi: LA VASTITA’ DEL CAZZO. Proprio NIENTE. Non è successo nulla di nulla.

E’ una interfaccia-giocattolo inutile. Forse (e dico forse) lo strumento indovina-keywords potrebbe essere anche carino … ma se tutto il resto è una merda, meglio importarlo in Fotolia, non il contrario.

Fa veramente, ma veramente schifo dal punto di vista lavorativo. Orrendo proprio. Continuerò a lavorare lato Fotolia per sempre se non cambiano. E sempre che convenga economicamente, ovviamente.

Ah, certo. Lato dati e statistiche: schifo. Elenco liberatorie? non esiste. Sezione caricamento liberatorie e gestione? non esiste. Solo al momento del caricamento. Cioé raga … caratteroni grandi e fine? Questa sarebbe la vostra idea di gestionale per lavorare? Fa ultra-cagare. No, sul serio, davvero, non scherzo: Adobe Stock solo per vendere. Per il resto per carità, date tante belle risorse a Fotolia e lasciateli lavorare che per quante pecche possano avere, sicuramente fanno meglio di voi.

Annunci