Tag

, , , , , , , , , , , , , , , ,


Oggi io, il Dr. prof. Cavallogoloso, vi illustrerò la mia teoria sul perché i datori di lavoro, le aziende, hanno comportamenti terribilmente frustranti quando li vediamo dal lato dipendente, o ancora peggio di “persona in cerca di lavoro”.

Mi riferisco in particolar modo alle mancate risposte. Alla zero-comunicazione, allo zero-dialogo, alle zero-possibilità di spiegare, di mostrare chi sei e cosa puoi fare.

Perché lo hai già fatto e quello che pensano non te lo vogliono dire. Anzi, non si possono permettere la rottura di coglioni di dirtelo. Perché tu, bambino viziato, ti permetteresti immediatamente di rispondere. E quello NON è un dialogo: è un favore che ti fanno a darti il feedback. Non si tratta di una contrattazione: non ci sei nemmeno arrivato al momento in cui qualcuno dice “hey questo mi interessa”.

La mia teoria è questa: io sono solo un semplice fotografo, libero professionista. Ma mi sono accorto che cercando collaborazioni di vario tipo ci sono molte persone che ti fanno perdere un casino di tempo anche se tu ti poni con la massima disponibilità nel far fare loro delle prove, di dargli qualcosa gratis per dare modo di conoscerti, di vedere come si lavora insieme ecc ecc. Spesso qualsiasi cosa tu faccia ci sono comunque motivi per tirare indietro il culo, scuse, mancanze. E alla fine tu sei solo tu con quello che devi fare … e il tempo di stare a correre dietro alle magagne degli altri non ce l’hai. O ce lo metti anche, ma solo con chi se lo merita: perché tutto il tempo “umano” che metti nel lavoro è improduttivo. Serve umanamente, mette di buon umore. Ma alla fine devi pedalare comunque come una macchina per creare ciò che fa guadagnare i soldini.

Il tempo di fare, ad esempio, un po’ di botta e risposta con delle telefonate o dei messaggi molte aziende non lo vogliono nemmeno considerare. Io, personalmente, e nel mio caso questo avverbio non è tanto per dire, quel tempo spesso ce lo metto. Penso che il dialogo sia fondamentale, che bisogna darsi il tempo. Ma non vi nego che ogni tanto è una rottura di coglioni terrificante perché il mondo è pieno di bimbiminkia e bimbeminkia che non sanno lavorare e non sanno capire cosa significhi lavorare, uscire dal “voglio” e capire che la gente non è affatto li per te. Nessuno è li per te e che trovare qualcuno che sia un po’ più gentile è un dono del cielo: fartelo scappare a furia di fisime sarebbe una cosa che il tuo bisnonno vedrebbe come chi butta via il pane.

E se non sai capire cosa questo possa significare, purtroppo dovrà arrivare il momento per te di scoprirlo.