Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


drogaNel mio studio entrano soprattutto giovani. Tra detto e non detto, siccome mi percepiscono come più giovane di almeno 10-15 anni del reale, dai discorsi che fanno è chiaro che la droga è ben radicata nel loro mondo, sia che ne facciano uso personale (sporadico o ogni fine settimana) sia che conoscano chi lo fa.

Sto parlando di tanta gente. Tantissima. E per la maggior parte minorenni, sia consumatori che spacciatori (questo me lo diceva una ex collega che ha fatto i lavori socialmente inutili presso un tribunale e non vedeva l’ora di smettere di venire in contatto con questo tipo di informazioni che la … informavano sulla realtà in cui erano immerse le sue stesse figlie e ne era inorridita: preferiva non sapere). Questa notte mentre faccio pausa incontro il maresciallo della zona, paesino: gli faccio presente che a quanto mi risulta (e già parte con lo sguardo “e come cazzo è che ti risulta, sentiamo?”) il capolouogo è un catino di drogatidimmerda (non ho domandato, ho detto che lo so, non ha smentito, anche se infastidito dal fatto che lo sapessi) e mi chiedevo se anche il nostro paesino fosse un minestrone di piscio schifoso o se almeno noi ci salvavamo.

“Il fenomeno non è arginabile” ha detto.

E quindi mi sento molto meno coglione, molto meno bacchettone, molto più tristemente in possesso delle mie facoltà mentali e della capacità di analisi sia profonda sia a lungo termine di quanto non credessi.

Quello che posso fare dal mio punto di vista è farli ragionare su quanto idioti possano essere e quanto possano divertirsi usando fica e pisello (responsabilmente) invece che ago e vena o fumo pasticche ed altra merda (alcuni pensano che si possa fare responsabilmente pure questo, povere teste di cazzo). Qualcuno, e soprattutto qualcuna, piano piano torna indietro. Ma sono le persone più intelligenti e persino forti: caduti che si rialzano.

Sto parlando di ragazzini, spero che vi sia chiaro: ragazzine soprattutto: attorno ai 17 e fino ai 27 circa: alcolizzati e drogati. I vostri figli, non i miei. Siete VOI che li avete messi al mondo e avete lasciato che gli succedesse questo col vostro lassismo di merda, col vostro lasciarli a sé stessi. Fatevi un giro su Yahoo Answers e guardate cosa chiedono i ragazzini: cose che dovreste dirgli voi: sono soli, hanno paura, sono impreparati e vogliono conoscere, vogliono capire, vogliono che qualcuno dica loro come si fa, che qualcuno quantomeno stia loro accanto.

Li avete fatti, quindi non mi interessa proprio quale scusa ora stiate pensando. Dovevate pensarci PRIMA di farli.