Tag

, , , , , , , , , , , , , ,


Mia nonna mi raccontò questo: un signore arrivò da lei e con sussiego le disse “Suo figlio era al bordello, l’ho visto!” – e lei, per nulla scossa, disse “se l’ha visto lì, lei dov’era, in chiesa?”.

Grande nonna.

prostitute per strada

prostitute per strada

Ora, carissime e carissimi, credo che andrò a votare per la riapertura e lo farò SOLO se viene anche la mia ragazza, perché poi magari sembra che voglia andare a puttane. Eh no! Proprio non mi tira con le battone, ve lo dico, non è una questione morale. Se non c’è partecipazione vera, se ciò che scambio con la partner è diverso da “io ti do me e tu mi dai te” e niente altro, allora semplicemente la cosa non avviene, no party.

Chiarito questo senza moralismo (come vedete è puramente meccanica o psicologica la faccenda) , ora passiamo al “minor danno possibile”. Una volta la legge Merlin serviva ad evitare ciò che invece oggi succede in altri ambienti: la segregazione, la costrizione, la schiavitù. Sotto controllo, si spera che la cosa diminuisca. Non è tanto per “il decoro delle strade” ed altre simili stronzate. Penso che forse sarà possibile dare qualche speranza a chi subisce lo sfruttamento della prostituzione. 

Forse non servirà a niente, non lo so prima, ma credo che ci sia una possibilità. Di sicuro non ho nulla contro la prostituzione in sé, se una persona vuole darsi una possibilità in quel modo e lo sceglie a parte la vita, nessuno la costringe. Ma quando qualcun’altro in qualsiasi modo esercita coercizione, oppressione, sfruttamento, obbliga qualcun altro a fare qualcosa, allora spero che qualcosa si possa cambiare.

Annunci