molto bello, anche se non so quanto giovi agli homeless.

Fools Journal

Si chiama Signs for the Homeless ed è il progetto artistico del duo Kenji Nakayama e ChristopherHope realizzato al fine di sensibilizzare la gente sulle condizioni dei senzatetto. Girovagando per gli Stati Uniti, infatti, gli artisti sono stati colpiti dalla grande quantità di homeless sparsi sul territorio, e hanno deciso di realizzare per loro qualcosa di concreto: rifare il look dei loro cartelloni con i quali chiedono l’elemosina. I nuovi cartelli – cool, colorati, creativi, facilmente leggibili ed inclusivi anche degli errori grammaticali “originali” – attraggono così maggiormente l’attenzione dei passanti e potrebbero aumentare la quantità di denaro donata. In realtà, il duo è stato criticato per due motivi: in primo luogo, aver sfruttato persone in condizioni disagiate per farsi pubblicità; in secondo luogo, perché ha reso poco credibile l’immagine degli homeless, che con tali cartelli potrebbero sembrare dei promoters che si fingono senzatetto. Ma noi vogliamo credere che…

View original post 22 altre parole