se non sei stata brutta da piccola

Tag

, , , , , , , , ,


Questa sera seguivo un evento in cui era presente una ragazza alla quale ho chiesto troppe volte, e infatti ho smesso, se desiderasse posare per me come modella; gliel’ho chiesto almeno 6 volte in 2 anni. Ora basta. E’ perfetta, giovane, non ha alcun difetto di pelle, snella, sensuale, viso mediterraneo, capelli lunghi. Figa.

bella

bella

Si avvicina il giudice dell’evento in questione e la fotografa col cellulare, chiedendole “ma è possibile che nessuno ti abbia mai chiesto di fare la modella?” e lei guardando in basso vergognosetta “no”. Lo guardo come dire “ma ti pare? pensi che non ci abbia già pensato io?”.

Se non sei stato brutto da piccolo, o brutta, non dai valore a quel regalo divino. Non è un tuo merito, forse tu lo sai, forse ti infastidiscono quelli che ti avvicinano per una tua caratteristica fisica. Ma gli stonati sanno quanto valga essere intonati. E i brutti quanto valga essere belli senza far nulla: la gente ti adora, di desidera, ti ammira senza che tu faccia nulla per meritarlo: hai un bonus in partenza.

Tutti vedono che sei scopabile. Non serve essere brillanti, simpatici, corretti, educati, colti, affascinanti, affabili, gentili, capaci, abili, in grado di esprimersi. Qualsiasi cosa. La bellezza naturale è un regalo. Continua a leggere

aruba fa schifo aruba non fa schifo

Tag

, , , , , , , , , , , ,


Ragazzi mi sono rotto di sentire come scusa, perché siete sotto pressione o avete dei casini, l’universale “aruba fa schifo”. Hai fretta? Non si fanno i lavori di fretta. Hai fretta e non sai dove si trovano le robe? Aruba ha sicuramente una buona fetta di clienti italiani per qualche motivo e non potrebbe continuare ad averli se fosse una totale merda, vista la quantità di competitors a disposizione.

Un sacco di volte sento dire, anche da clienti business, che “Aruba fa schifo”. Assento, annuisco, ma poi con calma, molta calma, chiedo: cosa è andato storto? Cosa non c’era?

Poi con due googlate che potrebbe fare chiunque trovo le soluzioni, i pannelli, gli accessi.

Non che non ci siano casini: ci sono, alcune cose sono molto migliorabili. Ma di solito ciò che viene indicato come schifoso o mancante, non lo è ad una verifica quasi superficiale. Continua a leggere

quando una ventenne vuole figli DA TE (21ma puntata)

Tag

, , ,


Aveva un tipo. Gli attizzava, gran fisico, ma era uno stronzo, le mancava di rispetto. Aveva un altro tipo, ma quando lo ha baciato per la prima volta “le è sparito tutto” (tutto cosa?) … e sono stati assieme due anni. Ma non ci avrebbe mai fatto un figlio. E poi non le lasciava fare un cazzo e cercava il momento per mollarlo.

Ok. E con me è triste perché da me vuole figli, che io sia il padre dei suoi figli. Anche se mi “conosce” da un mese. Le ispira così eh? 🙂 Le dispiace perché sa che non scherzo: sono terribilmente contro, deciso a vasectomizzarmi al più presto. Prima non ci pensavo: nessuno voleva il mio cazzo inutile, quindi della fertilità del mio sperma si interessavano solo le acque nere; non era determinante.

Anni fa, ricordo, disprezzavo una donna, la moglie di quello che fu, per un periodo, quello che ho considerato il mio migliore amico. Ce ne sono stati altri, ma quello di quel periodo era lui, finché non mi ha fregato. Ma in quel momento lo era, gli volevo bene. Quella donna la disprezzavo perché avrebbe fatto qualsiasi cosa per avere un figlio. Un figlio e basta. Non un figlio DA LUI. Non amava lui: amava la possibilità di quel pezzo di carne di poter rendere fertile il suo ovulo. Mi ricordo che mi rimase molto impresso il fatto che lei gli avrebbe dato il culo SE lui avesse detto “si” ad avere figli. Ma è uno stupro in sodomia a pagamento!!! Fanculo!!!! (ehm). Se VUOI darmi il culo, mi dai il culo. Io ti do il pene, tu mi dai il culo. Fine. Scambio effettuato. Io ti do piacere, tu lo dai a me.

Beh, comunque a parte questo dettaglio hard porn, era chiaro: lui o un altro chissenefrega. Anche questo dettaglio aveva composto in me la convinzione che “fare figli”, per uno egoista come me, bambino di grosse dimensioni come me, non era cosa per me.

Ma lei? Lei li vuole CON ME. Non è che io abbia iniziato a volerli, per questo. Ma è lusinghiero, non posso farci niente. Mi compiace, mi inorgoglisce, anche se l’offerta la declino del tutto.

Secondo tante persone che NON mi conoscono affatto, anche se mi vedono abbastanza spesso, sarei un padre eccellente. Ma quanto sono superficiali tutti questi? Non vi rendete conto di come deve essere un VERO buon padre?

Sigma 85 art : AF lento

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


85 ART

La qualità ottica del Sigma 84mm F1,4 HSM DG ART è evidente e anche Yuri ha deciso come me (ma io lo avevo deciso prima, gne gne gne). Quello che ho potuto provare però è difficoltà di messa a fuoco e messa a fuoco lenta con Canon 5DSR, in condizioni di luce non ideali. E siccome non-ideali è la norma, se il vostro settore è “cogliere l’attimo irripetivile senza fallo sempre e comunque” fate prima le vostre prove, perché potreste avere brutte sorprese, a meno che non siate vecchi del mestiere che mettono sempre a fuoco a mano in modo impeccabile.

In quel caso – soldi a parte – perché non vi prendete un OTUS? 🙂

Comunque siete avvisati: ottima qualità, ma OCCHIO all’autofocus. Ovviamente poi se non vi aggradano gli obiettivi che PESANO, questo 85 non fa per voi, perché pesa un botto.

UPDATE: vi ricordo di registrare SUBITO la garanzia QUI.

crisi di mezza età, dunque? – 20ma puntata

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


Chi incasella, ed è in grado di farlo, tutto, credo mi direbbe “hey, ma sei nel pieno della crisi di mezza etàvecchio mio!”.

Ma forse ci sono da quando ho 25 anni?

Sulle questioni esistenziali non ho mai mollato, da quando le ho avute nell’adolescenza ad oggi: del resto quando studiamo filosofia non mi pare che diamo dei malati di mente a Socrate o Wittgenstein … certo, sicuramente avevano una mente inquieta, di chi continua ad usarla. Non sono nessuno dei due, ma solo perché non sono brillante come loro, non perché non frequenti lo stesso ambiente con la mente. Non valuterei l’interesse di una persona per un argomento con il successo pubblico, riguardo al rapporto che questo argomento ha con il tuo stato di salute mentale.

Mi dico ogni giorno, da tanti anni, che devo fare qualcosa per il fisico: ma lo dicono anche i medici. Se di punto in bianco iniziassi a fare quello che dico, sarebbe sbagliato? Non faccio un checkup o un’analisi del sangue da non so quanti anni: se metto assieme la dieta per fatti estetici con quella per non avere problemi di cuore? Tutte scuse? Devo fare quella fastidiosa senza cercare di darmi un incentivo divertente, questo solo per non sentirmi in crisi di mezza etàContinua a leggere

malosaichesarestiunosplendidopapà – 19ma

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


modello che finge di essere padre

Tu vuoi da me qualcosa. Tu vuoi che io fecondi i tuoi ovuli, che generi con te dei figli.

Hai vent’anni, io ne ho più del doppio e mi dici che tutti quelli con cui hai scopato in passato ti hanno fatto pensare no, con lui no. E con me si. Con me che quando ti ho detto chi ero ti ho detto io no figli, io figli mai.

Hai 20 anni e fai sesso da quando ne hai 14, una cosa che vi invidio, a voi di queste generazioni, tantissimo: io lo dico sempre, a tutti, che quando ne avevo 13 volevo scopare, ma lei non voleva i coetanei, lei è andata con uno di 18, mentre due facevano la guardia, a farsi sverginare dietro la siepe, fiera, felice. Una cosa che ai tempi, per me, era un dramma horror, tempi in cui sesso e sentimento erano spacciati come una cosa sola.

Ma che non voglio essere padre e che sarei un pessimo padre io lo grido ai quattro venti da sempre, a tutti. Generare una vita senza sapere quello che si fa. Oppure generare una vita sapendo perfettamente quello che si fa e che non si è la persona giusta. Che delitto è? E’ quello di cui, quando ne si ragionava, accusavo Dio. Dio è colui che ti crea sapendo – essendo fuori dal tempo – che finirai dannato: l’infinita perfidia, suprema, la negazione del libero arbitrio o la sua presa in giro. Qui sulla terra quegli dei siamo noi, uomo e donna: noi abbiamo il potere della creazione della vita. Continua a leggere

trentenni, non mi piacete?

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , ,


yawn!

Oggi ho rivisto una mia ex, una ex importante. La prima cosa era fastidio nelle comunicazioni. La seconda cosa era molto fastidio nelle contraddizioni. Non c’era la volta prima. Che era due o tre anni fa.

Poi ho visto stranezza, forse disagio, nervosismo. Magari era stanchezza, vai a sapere. Mi ha ricordato che mi ha lasciato il segno su come si possa avere una vita vuota. Forse la volta prima l’avevo vista dolcetta, mentre oggi era in versione arida, come sapeva essere e desiderava essere in futuro.

Si parlava di andare a mangiare fuori, piccolo punto in comune. Ma mi sembrava di più che volesse andare via. Ed il disagio nel vedere che con me il pomeriggio non poteva essere “fare il giro dei bar” come riempitivo, che fare una passeggiata e parlare non era una cosa per lei. Era bere. Come 22 anni fa era farsi le canne, con poco desiderio di sapere ogni altra cosa.

Ci sono rimasto male, non lo nego. In qualche modo ogni forma di rifiuto mi colpisce sempre. Forse però lei ricordava di avermi dato un bacio sulla bocca e io non l’ho chiamata per tanto tempo. Bacio che io non ho ricambiato o “allargato”. Lei era già stata delusa dal mio sesso: non volevo ripetere l’exploit 20 anni dopo. Forse era quello. Ma allora perché venire a bere un caffé con me? Continua a leggere

Microstock ed emigrazione fiscale

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


scavare buche per poi riempirle

dig and fill

Esistono in Italia, ormai da tempo, delle persone che si occupano di far emigrare gli Italiani che guadagnano dei soldi, per non farglieli buttare via.

Ne avevo sentito parlare perché per la maggior parte si tratta di anziani, pensionati che in Italia sarebbero dei poveracci, che però in altri paesi possono far valere la propria pensione come dei ricchi signori: cosa che sono, cristodiddio, perchè hanno lavorato tutta la vita. Di queste persone potete sicuramente trovare mete, vademecum, destinazioni, consigli e servizio di consulenza: lo hanno fatto per primi, poi per gli amici più cari, poi lo hanno fatto per lavoro. Gente che se ne va alle Canarie, altri in Lettonia e così via. Non vi voglio parlare di questi.

Chi fa microstock in Italia si trova, secondo alcuni, non in un buco normativo, bensì in un’eccezione speciale dedicata agli autori (ed ai fotografi in quanto autori), ovverosia chi vive di royalties. Secondo altri tale buco normativo NON si applica al microstock, visto che la risoluzione 94/E del 1997 dice esplicitamente “riaffermando   invece  la  piena imponibilita’  quando  puo’  ragionevolmente  presumersi   che   la   suddetta difficolta’ non sussista, come appunto per i diritti di autore sulle opere  di ingegneria e sulla produzione cinematografica, nonche’ per i diritti  d’autore relativi ad opere di ogni genere utilizzate da imprese a fini di   pubblicita’ commerciale.”. Che mi pare abbastanza chiaro. Continua a leggere

Vuoto e mediocre, 18ma

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


gioie momentanee

Come mi sentivo prima di questo shock lo so bene. Il problema è che non sono in grado di vivere il presente quando ho qualcosa di bello, forse. O forse si? Cioé : ci sono delle cose belle, delle situazioni che non mi danno il senso di avere beccato l’appiglio per un pelo, solo per ora, per non cadere nel baratro, ma che non sai quanto durerà e se ti sfracellerai di nuovo nella merda.

Ci sono situazioni in cui senti che hai risalito la china, sei arrivato all’altopiano, respiri a pieni polmoni e se vuoi resti li, guardi sotto, se vuoi ti fai un bivacco e mangi, dormi, guardi le stelle, respiri a pieni polmoni, con calma. Non che non possa arrivare una bufera, la neve o un orso. Ma almeno cazzo hai fatto fatica e sei li, in un meraviglioso posto tranquillo, in pace, soddisfatto, appagato.

Invece no, quando trovo una … vedo solo a quanto starò male a non averla più. Abbandono, solitudine, astinenza, bastare a se stessi, crederci, andare avanti, procurarsi qualche contentino, parlare col gatto, parlare con voialtri. Continua a leggere